Cracovia – Vilnius

Cracovia – Vilnius

Partiti di buona lena alle 7.45, abbiamo effettutato circa 350km di viaggio senza particolari problemi.

Il tratto di autostrada tra Auschwitz e il confine con la Lituania pare più una strada a scorrimento veloce che ad un’autostrada vera e propria a causa della presenza di incroci e semafori.

Semafori a cui bisogna stare attenti a causa di velox e telecamere.

Per chi cerca un posto dove dormire, si possono trovare molte aree di servizio con annessi alberghi.

A 260km dal confine, ad un nuovo accesso in autostrada, abbiamo trovato un blocco della polizia che ci ha fatto deviare verso l’interno del paese e costringendoci ad effettuare una deviazione di 80km supplementari e 2 ore di viaggio extra.

Arrivati in Lituania siamo stati sorpresi dalla pioggia e ci siamo dovuti fermare per indossare le apposite tute.

Dopo una decina di km ha smesso di piovere, ma abbiamo continuato il viaggio con le tute anti pioggia addosso.

Arrivati a Vilnius ci siamo fermati al primo hotel in centro che abbiamo trovato, ma era pieno e il receptionist ci ha dato una mappa per niente esaustiva con un ripiego dove andare.

Durante la ricerca ci siamo imbattuti in una coppia che parlava italiano che ci ha dato un paio di indicazioni di hotel a basso costo dove ci siamo prontamente recati.

Scaricata e sistemata la roba, siamo andati in un ristorante italiano dove abbiamo mangiato spendendo circa 10 euro e siamo tornati in albergo dove è finita la giornata.

Appunto importante, qui in Lituania sono 1 ora avanti per il fuso orario.